giovedì 29 marzo 2018

IL PUNTO DEL MATTINO - 29/03/2018

Buon giovedì 29 marzo a tutti i lettori di MtS!
Stiamo ormai per avvicinarci al ponte pasquale e molti (se non tutti) ci staremo chiedendo se per le gite fuori porta del lunedì dell'Angelo, saranno necessari stivali ombrelli e berretti di lana o plaid da stendere a terra, cestini per le merende e maglioncini di lana...
Bhè la situazione è complicata... andremo in contro ad un periodo davvero interessante, infatti dopo il deciso rialzo termico di questi uiltimi giorni, nelle prossime ore verremo interessati da una serie di perturbazioni atlantiche che riporteranno piogge e clima in ribasso e che ci terranno compagnia almeno sino a sabato. Infatti, un flusso d'aria fredda oceanica, porterà a diffuso maltempo con insistenti e copiose precipitazioni, localmente anche temporalesche e nevose intorno ai 1500/1700 metri di quota.
Terminata questa "sfuriata pre-pasquale", sembra che già dalla domenica di Pasqua il clima dovrebbe migliorare e tendere al bello ovunque; sole e temperature in rialzo dovrebbero accompagnare anche la giornata di pasquetta e quindi le gite fuori porta dovrebbero essere salve un po in tutto il Paese.
Trascorso il weekend pasquale poi, il clima dovrebbe tornare variabile con fasi uggiose, fresche e temporalesche, alternate a fasi miti e soleggiate...

Per quanto riguarda la giornata odierna, oggi avremo cielo variabile su tutto il nord Italia con diffuse precipitazioni, in genere moderate ma che localmente potrebbero risultare intense ed assumere carattere temporalesche; la quota neve sarà intorno ai 1400 metri circa. 
Scendendo la Penisola incontreremo condizioni di cielo generalmente variabile, ma con bassa probabilità di precipitazioni se non si escludono le coste toscane.

Sotto i 1000 metri di quota, la temperatura minima assoluta di ieri in Italia è stata di 0° registrata ad Arezzo (AR - 249 mt.s.l.m.), mentre la massima assoluta è stata di 21,6° registrata a Decimomannu (SS - 28 mt.s.l.m.).

IL PUNTO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA


sabato 24 marzo 2018

IL PUNTO DEL MATTINO - 24/03/2018

Buon sabato 24 marzo a tutti i lettori di MtS!

Come è successo per la Primavera, anche l'ora legale quest'anno arriverà in anticipo, infatti nelle primissime ore della mattinata di domani (precisamente alle 02:00 del 25/03/2018) sarà necessario spostare in avanti di un'ora le lancette dell'orologio. 
Introdotta in Italia con il decreto 631 del 25 maggio del 1916 per risparmiare energia elettrica, l'ora legale fu abolita e ripristinata diverse volte per essere adottata definitivamente con una legge del 1965, applicata a partire dall’anno seguente, ed è valida oggi in tutti i Paesi della Comunità Europea, anche se nel futuro, la sua applicazione potrebbe essere nuovamente messa in discussione; infatti lo scorso anno, alcuni Paesi europei hanno avanzato una protesta in seno all'Unione per abolirla definitivamente. 
Purtroppo questo cambio dell'ora domani ci farà riposare 60 minuti in meno, ma di contro avremo un risparmio nel consumo dell'Energia Elettrica che, secondo Terna, ammonterebbe a 567 milioni di chilowattora in meno ed ad un risparmio per l'ambiente di ben 320mila tonnellate di Co2 in emissioni grazie all'accensione posticipata di luci ed elettrodomestici. 
L'ora solare tornerà alle ore 03:00 di domenica 28 ottobre.

Dal punto di vista metereologico, la prossima settimana avrà in serbo grandissime novità... infatti un nucleo di bassa pressione in affondo al golfo di Biscaglia, potrebbe portare alla prima risalita africana del 2018 e di conseguenza potrebbe catapultarci, nel giro di poche ore, dall'inverno all'estate! C'è da dire che, essendo in primavera, i modelli matematici sono ancora molto in dubbio sull'evoluzione della situazione, ma qualcosa in pentola bolle già... e se non per tutta l'Italia - pare infatti che il nord dovrebbe restare abbastanza defilato, con temperature ancora decisamente in bilico tra inverno e primavera - almeno per il sud il termometro subirà senza dubbio anomali termiche positive.
Tuttavia, anche se Africa sarà, non sarà sicuramente una struttura secca, ma piuttosto umida ed a tratti perturbata... non è ancora dato sapere quindi a che clima andremo in contro per il ponte pasquale... Restate collegati!

Per quanto riguarda la giornata odierna, avremo cielo in genere variabile su tutta la Penisola con maggior presenza di sole sul versante tirrenico, clima uggioso su alpi nord occidentali, basso adriatico e Sicilia, mentre sulle restanti zone non dovrebbero esservi precipitazioni degne di nota.

Sotto i 1000 metri di quota, la temperatura minima assoluta di ieri in Italia è stata di -4° registrata a Tarvisio (UD - 778 mt.s.l.m.), mentre la massima assoluta è stata di 16,2° registrata a Catania Fontana Rossa (CT - 17 mt.s.l.m.).

IL PUNTO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA
Per quanto riguarda la giornata odierna, su tutte le zone avremo condizioni di cielo generalmente poco nuvoloso o localmente variabile.
Le temperature saranno comprese tra 3° e 9° sulla costa, tra -1° ed 11° in pianura, mentre le temperature medie in montagna saranno di 0 e -4 gradi, rispettivamente alle quote di 1000 e 2000 metri.
Nella giornata di DOMENICA 25 MARZO, su tutta la Regione avremo cielo in genere variabile o localmente nuvoloso, con tempo migliore sulla costa; su alcune zone, specie ad est e sui settori montani, potrebbero esservi parti della giornata con copertura totale del cielo e non si escludono previ precipitazioni, eventualmente nevose sopra i 800 metri.
Le temperature saranno comprese tra 5° e 10° sulla costa, tra 0° ed 13° in pianura, mentre le temperature medie in montagna saranno di 0 e -5 gradi, rispettivamente alle quote di 1000 e 2000 metri.
La tendenza per LUNEDI' 26 MARZO sarà probabimente di cielo variabile o nuvoloso su tutte le zone con aumento della nuvolosità dal pomeriggio, a partire dai settori montani.
Le temperature saranno comprese tra 6° e 10° sulla costa, tra 2° ed 12° in pianura, mentre le temperature medie in montagna saranno di 1 e -4 gradi, rispettivamente alle quote di 1000 e 2000 metri.
   

Comuzzi Dante.

martedì 20 marzo 2018

IL PUNTO DEL MATTINO - 20/03/2018

Buon martedì 20 marzo a tutti i lettori di MtS!
Oggi inizia al 100% la stagione primaverile, infatti dopo l'avvento meterologico avvenuto il 1° marzo, oggi, precisamente alle ore 16.15 (quando vi sarà l'Equinozio di Primavera), avremo l'inizio della stagione anche dal punto di vista astronomico; oggi ritorna il sole al Polo Nord e contestualmente il Polo Sud piomba nelle tenebre per 6 mesi.
 Nonostante l'avvento della stagione primaverile, il clima è ancora tipicamente invernale, con il ritorno delle nevicate, anche al livello del mare e con le temperature anomalmente basse, eccetto all'estremo sud dove prevale un clima relativamente mite; questo colpo di coda invernale è dovuto all'evento metereologicamente più importante degli ultimi tempi, lo stratwarming verificatosi in febbraio e che continua e continuerà a generare conseguenze climatiche su buona parte del continente europeo.
Il freddo è dovuto da una circolazione di aria di estrazione russo-siberiana in scorrimento sul Veccho Continente da est verso ovest e che viene risucchiata sulla nostra Penisola da un vortice di bassa pressione imperniato sulla Sardegna; in associazione al clima decisamente non primaverile, avremo un deciso maltempo - che nei prossimi giorni si concentrerà al centro sud - che potrebbe rimanere tale sino all'approssimarsi del weekend pasquale, anche se i modelli matematici non sono ancora in grado di sciogliere le riserve su un aprile altalenante tra ondate di freddo e giornate più tiepide... per una più esatta valutazione del proseguo stagionale, bisogna tenere d'occhio il posizionamento dell'Alta delle Azzorre, più questa si terrà a ridosso dell'Europa Occidentale, spingendosi verso nord, maggiore sarà l'afflusso di aria fredda proveniente dall'Artico o dalle pianure russe; viceversa, se l'Alta delle Azzorre dovesse spostarsi verso est, avremo giornate miti e tipicamente primaverili... vedremo!

Per quanto riguarda la giornata odierna, avremo cielo generalmente variabile al nord, mentre scendendo la Penisola incontreremo conzioni di cielo da nuvoloso a coperto con diffuse precipitazioni su tutte le zone.

Sotto i 1000 metri di quota, la temperatura minima assoluta di ieri in Italia è stata di -4° registrata a Tarvisio (UD - 778 mt.sl.m.l), mentre la massima assoluta è stata di 20,4° registrata a Catania/Fontanarossa (CT - 2 mt.s.l.m.).

IL PUNTO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA