giovedì 7 dicembre 2017

IL PUNTO DEL MATTINO - 07/12/2017

Buon giovedì 7 dicembre a tutti i lettori di MtS!
GFS di Wetterzentrale.de
Elaborazione grafica a cura di MtS!
L'Alta Pressione - che da giorni protegge la nostra Penisola dal passaggio delle perturbazioni - sta per abbandonarci defilandosi sempre più ad ovest in Atlantico e, elevandosi verso nord - con  i suoi massimi al largo delle coste islandesi - provocherà l'ennesimo scivolamento verso sud di aria artica; avremo diffuse precipitazioni, sopratutto al nord e sui settori orientali, con nevicate inizialmente intorno ai 600/700 metri, ma poi in rapido abbassamento, anche sino al fondovalle.
Nella giornata di sabato poi, la perturbazione scenderà la Penisola concentrandosi sulle regioni meridionali; anche qui avremo diffuse precipitazioni che saranno nevoso intorno agli 800/1000 metri.
Continuano dunque le irruzioni artiche e sembra, secondo i principali modelli matematici, siano destinate ad intensificarsi, in quanto l'Alta delle Azzorre è stabilmente presente in Atlantico, a ridosso dell'Europa occidentale e continua ad elevarsi verso nord; così facendo, il Vortice Polare si indebolisce e rilascia verso sud i suoi aliti gelidi che, impattando con le acque miti del Mediterraneo, generano diffuso maltempo. Addirittura sembrerebbe che le prossime irruzioni artiche, sopratutto quelle di metà mese, potrebbero portare importanti nevicate che coinvolgerebbero non solo montagne e pianura ma anche i versati adriatici. Vedremo.

Per quanto riguarda la giornata odierna, avremo cielo sereno su tutto l'arco alpino, mentre sul resto del nord il cielo si presenterà generalmente poco nuvoloso o localmente variabile. Scendendo la Penisola avremo ancora condizioni di cielo variabile con maggior nuvolosità sui versanti settentrionali del Tirreno, dove potrebbero verificarsi delle deboli precipitazioni, specie in Toscana. Al sud invece il cielo sarà generalmente sereno o poco nuvolso, salvo maggiori e sterili addensamenti nuvolosi sui versanti tirrenici.

Sotto i 1000 metri di quota, la temperatura minima assoluta di ieri in Italia è stata di -7,2° registrata ad Aosta (AO - 572 mt.s.l.m.), mentre la massima assoluta è stata di 17,6° registrata a Catania/Fontanarossa (CT - 17 mt.s.l.m.).

IL PUNTO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA
Per quanto riguarda la nostra Regione, avremo cielo generalmente poco nuvoloso al mattino, ma in graduale annuvolamento su tutti i settori con il passare delle ore, fino a diventare coperto nell'ultima parte della giornata.
Le temperature saranno comprese tra 5° e 9° gradi sulla costa, tra 0° e 7° in pianura, mentre le temperature medie in montagna saranno di 0 e -1 gradi, rispettivamente alle quote di 1000 e 2000 metri.

Comuzzi Dante.

mercoledì 6 dicembre 2017

PUNTO FVG - 06/12/2017

Buon mercoledì 6 dicembre a tutti i lettori di MtS!
Il tempo previsto per oggi,
06/12/2017
La situazione generale vede la persistenza, sulla nostra Regione, di tempo stabile e bello ma in un contesto termico tipicamente invernale; a partire da venerdì avremo però un peggioramento del tempo per il passaggio di una perturbazione artica che porterà diffusa instabilità climatica con precipitazioni in genere moderate e nevose sui monti intorno ai 400/600 metri di quota..

Per quanto riguarda la giornata odierna, avremo cielo generalmente sereno su tutte le zone, salvo locali velature nella seconda parte della giornata.
Le temperature saranno comprese tra 2° e 9° sulla costa, tra -2° e 9° in pianura, mentre le temperature medie in montagna saranno di 3 e 2 gradi, rispettivamente alle quote di 1000 e 2000 metri.

Comuzzi Dante.

martedì 5 dicembre 2017

IL PUNTO DEL MATTINO - 05/12/2017

Buon martedì 5 dicembre a tutti i lettori di MtS!
GFS di Wetterzentrale.de
Elaborazione grafica a cura di MtS!
L'Alta delle Azzorre, a ridosso dell'Europa occidentale, continua a spingere verso nord richiamando continuamente aria gelida dall'Artico e rendendo rigido il clima alle nostre latitudini; nel contempo il bordo orientale della stessa struttura positiva consente cieli sereni ed assenza di precipitazioni, almeno sino al weekend quando l'allontanamento dell'Alta delle Azzorre verso ovest e la sua elevazione verso nord, richiamerà un nuovo ingresso di aria perturbata di origine artica. Avremo nuove precipitazioni, in genere deboli, che saranno nevose sui monti a quote medie; in seguito correnti nord atlantiche si mescoleranno con quelle artiche e porteranno diffuse precipitazioni, che questa volta saranno decisamente abbondanti e potrebbero interessare anche quote relativamente basse. 

Per quanto riguarda la giornata odierna avremo condizioni di cielo generalmente sereno o localmente poco nuvoloso su tutte le zone della Penisola salvo maggiore nuvolosità sui versani del basso adriatico e del nord della Sicilia, dove potrebbero anche verificarsi delle deboli precipitazioni.

Sotto i 1000 metri di quota, la temperatura minima assoluta di ieri in Italia è stata di -6,6° registrata a Tarvisio (UD - 778 mt.s.l.m.), mentre la massima assoluta è stata di 17,2° registrata a Siracusa (SR - 2 mt.s.l.m.).

IL PUNTO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA
Per quanto riguarda la nostra Regione, oggi avremo condizioni di cielo generalmente sereno o poco nuvoloso su tutte le zone con freddo pungente, sopratutto di primo mattino e nella notte.
Le temperature saranno comprese tra 3° e 10° sulla costa, tra -4° e 9° in pianura, mentre le temperature medie in montagna saranno di 0 e -4 gradi, rispettivamente alle quote di 1000 e 2000 metri.

Comuzzi Dante.

lunedì 4 dicembre 2017

PUNTO FVG - 04/12/2017

Buon lunedì 4 dicembre a tutti i lettori di MtS!
Il tempo previsto in Regione
per il 04/12/2017

La situazione generale vede l'allontanamento del nucleo perturbato artico verso est con il conseguente spostamento del bordo orientale dell'Alta delle Azzorre che porterà, sulla nostra Regione, cielo generalmente sereno o localmente poco nuvoloso, in un contesto di clima rigido.

Per quanto riguarda la giornata odierna, avrermo cielo generalmente sereno o localmente poco nuvoloso su tutte le zone con diffuse gelate al mattino in pianura ed in montagna.
Le temperature saranno comprese tra 1° e 6° sulla costa, tra -4° e 6° in pianura, mentre le temperature medie in montagna saranno di -1 e -6 gradi, rispettivamente alle quote di 1000 e 2000 metri.

Comuzzi Dante.

giovedì 30 novembre 2017

IL PUNTO DEL MATTINO - 30/11/2017

Buon giovedì 30 novembre a tutti i lettori di MtS!
Immagine GFS di Wetterzentrale.de
Elaborazione grafica a cura di MtS!
Siamo ormai giunti al passaggio di consegne tra la stagione autunnale e l'avvento dell'inverno metereologico (per quello astronomico dovremo attendere il 21 dicembre e più precisamente alle ore 16:28, quando vi sarà il solstizio d'inverno) ed il clima è assolutamente in linea con il periodo, anzi forse anche un pochino troppo da "inverno inoltrato" rispetto al calendario... ebbene si, i modelli matematici confermano, emissione dopo emissione, il continuo riversamento di aria gelida di origine artica direttamente sul Mediterraneo che, a contatto con le sue acque miti, vanno a generare clima decisamente perturbato; ed un clima perturbato in un contesto dove le anomalie termiche negative sono decisamente importanti, può solo portare a diffuse nevicate che si sposteranno anche fino al piano e localmente fin sulle coste. 
I primi gelidi aliti giungeranno tra oggi ed il weekend e coinvolgeranno, con copiose nevicate, tutto l'arco alpino e diverse città del nord-ovest come Cuneo, Torino e Milano, nonché le pianure padane occidentali e l'Emilia Romagna; avremo copiose nevicate anche sull'Appennino a quote medie, mentre altrove la protagonista sarà la pioggia.
In seguito il nostro Paese dovrebbe continuare a raffreddarsi, per nuove e più importanti discese di aria artica richiamate anche dal probabile nucleo di bassa pressione che andrà a formarsi nelle acque tirreniche, con altra neve, ancora una volta fino al piano; tutto questo freddo è da ascriversi ancora una volta al solito innalzamento dell'Alta delle Azzorre in Atlantico verso nord, lasciando libero il fianco orientale allo scivolamento delle perturbazioni artiche, figlie di un Vortice Polare sempre più debole (indebolito appunto dall'elevazione dell'Alta delle Azzorre).

Per quanto riguarda la giornata odierna, avremo da nuvoloso a variabile sull'arco alpino con possibili nevicate intorno ai 500/600 metri, specie sui settori orientali; sul resto del nord avremo cielo da poco nuvoloso a variabile con possibili deboli precipitazioni ad est e maggiore presenza di sole ad ovest. Scendedno la Penisola il cielo si presenterà da nuvoloso a coperto con diffuse precipitazioni, assenti forse solo in Sardegna e alto litorale tirrenico.

Sotto i 1000 metri di quota, la temperatura minima assoluta di ieri in Italia è stata di -5,8° registrata a Torino-Caselle (TO - 287 mt.s.l.m.), mentre la massima assoluta è stata di 19,9° registrata a Palermo-Punta Raisi (PA - 21 mt.s.l.m.).

IL PUNTO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA
Per quanto riguarda la nostra Regione, oggi avremo da nuvoloso a coperto su tutte le zone con possibili deboli precipitazioni, nevose in montagna inizialmente intorno ai 600 metri, ma in rapida discesa di quota nella seconda parte della giornata. Sulla costa possibili fasi di tempo migliore.
Le temperature saranno comprese tra 6° e 9° sulla costa, tra 3° e 7° in pianura, mentre le temperature medie in montagna saranno di -1 e -9 gradi, rispettivamente alle quote di 1000 e 2000 metri.

Comuzzi Dante.

mercoledì 29 novembre 2017

IL PUNTO FVG - 29/11/2017

Buon mercoledì 29 novembre a tutti i lettori di MtS!
Il tempo previsto per oggi
Mercoledì 29 novembre 2017
La situazione generale vede l'innalzamento dell'Alta delle Azzorre in Atlantico, con i suoi massimi addirittura sull'Islanda, ciò causa lo scivolamento di correnti artiche verso il Mediterraneo e quindi verso la nostra Regione, caratterizzandone il clima con tempo perturbato e clima nettamente invernale. Avremo infatti diffuse nevicate che localmente imbiancheranno le montagne fino a quote collinari o localmente più in basso.

Per quanto riguarda la giornata odierna, avremo cielo coperto su tutte la Regione con nevicate in montagna a partire da 300 metri di quota; altrove piogge in genere moderate o localmente intense, sopratutto sul triestino dove potrebbero verificarsi anche fenomeni temporaleschi.
Le temperature saranno comprese tra 8° e 11° sulla costa, tra 5° e 8° in pianura, mentre le temperature medie in montagna saranno 0 e -4 gradi, rispettivamente alle quote di 1000 e 2000 metri.

Comuzzi Dante.

martedì 28 novembre 2017

IL PUNTO DEL MATTINO - 28/11/2017

Buon martedì 28 novembre a tutti i lettori di MtS!
Previsione delle nevicate a parire
dal 30 novembre, con neve
anche al piano.

Il freddo annunciato negli editoriali della scorsa settimana è arrivato puntualissimo e ha genreato un netto abbassamento termico su tutto il nord Italia e non solo. Questo però è solo l'inizio, infatti l'elevazione dell'Alta delle Azzorre in Atlantico e la sua stabilità nel lungo periodo in tale conformazione, porterà a diverse discese artiche con la formazione di un minimo di bassa pressione nel Tirreno; in seguito alla formazione di questo nucleo perturbato, avremo il continuo richiamo di aria sempre più fredda da nord-est che, venendo a contatto con le acque ben più miti del Mediterraneo, genererà diffusa instabilità che sarà ovviamente nevosa in montagna, su Alpi ed Appennini, ma che potrà fare la sua comparsa anche in pianura o localmente più in basso. 
ATTENZIONE perché tra la fine del mese corrente ed i primi cinque giorni di dicembre si potrebbero avere fenomeni nevosi su tutto il nord Italia, anche al piano, ma queste previsioni hanno le ore contate e potrebbero subire smentite da un ora all'altra... restate collegati per gli aggiornamenti.

Dunque il mese di dicembre, che sancisce con il suo primo giorno l'inizio dell'inverno metereologico, non potrebbe aprirsi nel migliore dei modi... ma qual'è la causa di questo "precoce" freddo invernale? Bhè per rispondere a questa domanda, nel più semplice dei modi possibili, basta guardare la salute del Vortice Polare... il Vortice Polare è una struttura ciclonica che staziona quasi permanentemente sopra il Polo Nord, tale struttura, quando è in salute, garantisce clima freddo alle alte latitudini, ma se viene "attaccato" dalle strutture positive - tipo quello che sta succedendo in questi giorni, con l'innalzamento dell'Alta delle Azzorre - tende ad indebolirsi e le sue correnti fredde scendono di latitudine, portando a rigidi periodi invernali, spesso carichi di nevicate anche al piano.

Per quanto riguarda la giornata odierna, avremo cielo da poco nuvoloso a variabile praticamente su tutta la Penisola con peggioramento delle condizioni climatiche nella seconda parte della giornata.

Sotto i 1000 metri di quota, la temperatura minima assoluta di ieri in Italia è stata di -6° registrata a Tarvisio (UD - 778 mt.s.l.m.), mentre la massima assoluta è stata di 18,3° registrata a Catania/Fontanariossa (CT - 17 mt.s.l.m.)

IL PUNTO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA
Per quanto riguarda la nostra Regione, oggi avremo cielo in genere variabile o poco nuvoloso con peggioramento delle condizioni verso sera, quando potrebbero verificarsi le prime deboli precipitazioni che saranno nevose a partire dai 300/400 metri.
Le temperature saranno comprese tra 4° e 8° sulla costa, tra -4° e 8° in pianura, mentre le temperature medie in montanga saranno di -2 e -5 gradi, rispettivamente alle quote di 1000 e 2000 metri.

Comuzzi Dante.

sabato 25 novembre 2017

IL PUNTO DEL MATTINO - 25/11/2017

Buon sabato 25 novembre a tutti i lettori di MtS!
GFS di Wetterzentrale.de
Elaborazione grafica a cura di MtS!
L'Anticiclone Mediterraneo, che da diversi giorni è protagonista indiscusso dello scenario barico europeo, ci sta abbandonando in quanto sulle Alpi sta per arrivare una perturbazione atlantica che porterà diffuso maltempo, dapprima al nord e poi, nella giornata di domani, in rapida propagazione al resto della Penisola; quindi pioggia, neve e temperature in calo, sopratutto dalla nottata odierna. 
Tuttavia il peggioramento atteso in questo weekend sarà solo un piccolo antipasto del nuvo e più intenso peggioramento che dovrebbe fare il suo ingresso tra la fine del mese corrente e l'inizio di dicembre; questa volta però non si tratterà di una perturbazione atlantica ma, in seguito all'innalzamento dell'Alta delle Azzorre in Atlantico - con i suoi massimi addirittura fin sulle coste islandesi - e dell'Alta Russa ad est, verrà a formarsi il classico "imbuto" sul centro europeo nel quale si riverseranno fredde correnti artiche. Avremo dunque un lungo periodo perrturbato, tipicamente invernale, con le nevicate che imbiancheranno le vette alpine ed appenniniche, ma che potrebbero spingersi fin sulla pianura al nord o localmente anche più in basso; tutto questo proprio in concomitanza con l'inizio metereologico della stagione invernale, convenzionalmente attribuito al 1 giorno di dicembre.

Per quanto riguarda la giornata odierna avremo cielo copertu sull'arco alpino con precipitazioni diffuse, nevose inizialmente a quote medio-alte, ma in netto abbassamento verso sera, quando faranno il loro ingresso da nord, venti decisamente freddi; sul resto del settentrione avremo cielo da variabile a nuvoloso con diffuse precipitazioni, più intense sui settori orientali. Scendendo la Penisola incontreremo cielo generalmente variabile con le precipitazioni che dovrebbero concentrarsi su Emilia Romagna e Toscana, mentre al sud la giornata dovrebbe presentarsi variabile ma asciutta.

Sotto i 1000 metri di quota, la temperatura minima assoluta di ieri in Italia è stata di 3,4° registrata a sul Völser Aicha a Fié allo Scilliar (BZ - 920 mt.s.l.m.), mentre la massima assoluta è stata di 22° registrata a Decimomannu (SS - 28 mt.s.l.m.).

IL PUNTO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA - WEEKEND METEO FVG
Per quanto riguarda la nostra Regione, OGGI avremo su tutta la Regione cielo coperto con deboli ed intermittenti precipitazioni, che si faranno intense e continuative a partire dalla seconda parte della giornata.
Sui monti quota neve inizialmente intorno ai 1400 metri ma, notte tempo, in seguito all'ingresso di correnti d'aria decisamente fredde, il limitare delle precipitazioni nevose potrebbe attestarsi intorno ai 500/600 metri.
Le temperature saranno comprese tra 10° e 15° sulla costa, tra 7° e 12° in pianura, mentre le temperature medie in montagna saranno di 4 e 0 gradi, rispettivamente alle quote di 1000 e 2000 metri.
Nella giornata di DOMENICA, di notte ed al mattino avremo residue deboli precipitazioni su tutte le zone, probabilmente nevose intorno i 500 metri; nella seconda parte della giornata miglioramento del tempo a partire dalla Carnia. Temperature decisamente rigide.
Le temperature saranno comprese tra 7° e 11° sulla costa, tra 3° e 10° in pianura, mentre le temperature medie in montagna saranno di 0 e -8 gradi, rispettivamente alle quote di 1000 e 2000 metri.
La tendenza per LUNEDI' sarà probabilmente di cielo generalmente sereno o poco nuvoloso su tutte le zone con temperature decisamente basse e gelate diffuse.
Le temperature saranno comprese tra 3° e 8° sulla costa, tra -3° e 7° in pianura, mentre le temperature medie in montagna saranno di -1 e -6 gradi, rispettivamente alle quote di 1000 e 2000 metri.

Comuzzi Dante.

giovedì 23 novembre 2017

IL PUNTO DEL MATTINO - 23/11/17

Buon giovedì 23 novembre a tutti i lettori di MtS!
GFS di Wetterzentrale.de
Elaborazione grafica a cura di MtS!
L'Alta Pressione Mediterranea è padrona indiscussa di gran parte del Vecchio Continente, portando condizioni di stabilità atmosferica; in casi come questo però, stabilità va spessissimo a braccetto con stagnazione e quindi con aumento delle foschie, delle nebbie e dello smog. Infatti, pur in un contesto altopressorio, non ovunque splende il sole ed il cielo sembra nuvoloso, se non addirittura coperto, tutto a causa appunto dello smog, delle foschie o delle nebbie che velano il cielo come fossero nuvole. 
Tale situazione non è comunque destinata a durare a lungo, infatti già nel weekend, la struttura positiva tenderà a cedere, consentendo l'ingresso sulla nostra Penisola di una perturbazione che genererà diffuso maltempo dal sapore tardo autunnale, dapprima al nord e poi in rapida propagazione al resto del Paese. Ben presto però, l'Alta delle Azzorre tenderà a spostarti sempre più ad ovest ed ad elevarsi in Atlantico verso nord, favorendo lo scivolamento di masse d'aria perturbate di origine artica; in seguito dovrebbe formarsi un vortice di bassa pressione nelle acque tirreniche in gerado di generare maltempo diffuso ed invernale su buona parte della Penisola. Avremo dunque il ritorno della neve su Alpi ed Appennini e sarà tanta neve, con apporti degni di nota che saranno in grado di dare la spinta giusta agli impianti sciistici per la ormai prossima apertura stagionale. 
E sul resto della Penisola? Avremo pioggia o....? Bhè l'amletico dilemma è sede di dibattito tra i più eminenti modelli matematici, come l'americano GFS che prevede un ingresso della perturbazione più occidentale e quindi con apporti nevosi solo per le montagne, visto che il carico di freddo sarebbe ridotto, ma allo stesso tempo con importanti quantitativi precipitativi, mentre l'europeo ECMWF vedrebbe invece una perturbazione più robusta dal punto di vista termico con precipitazioni meno intense - anche se ugualmente degne di nota - ma con le nevicate che potrebbero interessare, al nord anche la Pianura Padana o localmente zone inaspettate per il periodo... vedremo!

Per quanto riguarda la giornata odierna, avremo cielo da poco nuvoloso a variabile sulla catena alpina, mentre sul resto del nord il cielo si presenterà variabile o localmente velato per via di nebbie o foschie. Nel resto del Paese il registro non cambia di molto con cielo ovunque variabile o poco nuvoloso, salvo maggior presenza di sole su Sardegna, Sicilia e Calabria ionica.

Sotto i 1000 metri di quota, la temperatura minima assoluta di ieri in Italia è stata di -3,3° registratrata a Bolzano (BZ - 241 mt.s.l.m.), mentre la massima assoluta è stata di 22,2° rilevata a Catania (CT - 22 mt.s.l.m.).

IL PUNTO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA
Per quanto riguarda la nostra Regione, oggi avremo cielo generalmente coperto per velature o nebbie, con clima uggioso su quasi tutte le zone, salvo sui settori montani dove protrebbero verificarsi anche delle ampie schiarite.
Le temperature saranno comrpese tra 10° e 13° sulla costa, tra 5° e 11° in painura, mentre le temperature medie in montagna saranno di 3 e 2 gradi, rispettivamente alle quote di 1000 e 2000 metri.

Comuzzi Dante.

mercoledì 22 novembre 2017

PUNTO FVG - 22/11/17

Buon mercoledì 22 novembre a tutti i lettori di MtS!
Il tempo previsto per il 22/11/2017
L'Espansione dell'Anticiclone Mediterraneo su buona parte del Continente, caratterizza il clima della nostra Regione con tempo stabile e temperature in anomala crescita. Tale situazione dovrebbe perdurare almeno sino al weekend, quando una perturbazione nord atlantica potrebbe riversarsi oltre la Alpi e generare diffuso matempo, tipicamente autunnale; in seguito, l'innalzamento dell'Alta delle Azzorre in Atlantico, favorirebbe lo scivolamento di perturbazioni artiche che potrebbero portare a condizioni decisamente invernali, proprio intorno all'inizio metereologico della stagione fredda.

Per quanto riguarda la giornata odierna, avremo in genere cielo poco nuvoloso o localmente nuvoloso, specie in pianura o sulla costa, mentre sui settori montani il cielo dovrebbe presentarsi maggiormente sgombro da nuvole.
Le temperature saranno comprese tra 9° e 13° sulla costa, tra 4° e 12° in pianura, mentre le temperature medie in montagna saranno di 3 e 4 gradi, rispettivamente alle quote di 1000 e 2000 metri.

Comuzzi Dante.